La mia foto

cosa ho scritto...

  • "Diario di Melassa": Edizioni Historica, 2009
  • "Le parole del buio": Edizioni Creativa, 2008
  • AAVV: RAC-CORTI - Il chiama angeli
    Il mio racconto "Il chiama angeli" nell'antologia RAC-CORTI di Giulio Perrone Editore 2008
  • AAVV: EROS & AMORE - La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila
    Il mio racconto "La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila" nella sezione EROS di "Eros & Amore" di ArpaNet, 2008
  • "I racconti delle bacche rosse": Lampi di Stampa Editore, I Platani Narrativa, 2008
    Il secondo libro di fiabe
  • AAVV: CONCEPTS PROFUMO - La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane
    Il mio racconto "La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane" nella raccolta "CONCEPTS Profumo", Edizioni Arpanet 2007.
  • "Una storia ai delfini": Edizioni Creativa, 2007
    il mio primo romanzo
  • AAVV: CONCEPTS MODA - La donna vestita di fiori
    Il mio racconto "La donna vestita di fiori" nella raccolta "CONCEPTS MODA", Edizioni ARPANet 2007
  • "Esser grandi è una fiaba": Lampi di Stampa Editore, 2006
    il mio primo libro di fiabe

è bello sentirvi!

aprile 2010

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

« l'onda nera e la neve che cade su New York | Principale | sospensione del tempo alla luce del neon »

Commenti

GRAZIE ANCORA UNA VOLTA A TE,MARIAGIOVANNA,
PER L'AIUTO PREZIOSISSIMO (LIEVE PUR NELLA SUA CONCRETEZZA.SPIETATA E BRUTALE "IL PIU' DELLE VOLTE")CHE DONI A TUTTI,DONNE E UOMINI CHE,HANNO LA FORTUNA DI CONOSCERTI O DI SOSTARE QUI! A TE E PER TE,LA MIA PROFONDA PARTECIPAZIONE,SOLIDARIETA',AMMIRAZIONE,STIMA,AFFETTO SINCERO!
Bianca 2007

Grazie Maria Giovanna. A settembre ho subito anch'io il medesimo intervento, ma chissà perché non avevo paura, mi sentivo come anestetizzata nelle sensazioni... e comunque al primo controllo dopo tre mesi pare sia tutto a posto...

Bene, Elena, sono felice che sia a posto. E continuerà a essere così. Grazie per il tuo commento e la condivisione!
Bianca, spero che l'aiuto sia l'attenzione a se stesse. Il superamento della paura dei controlli, quel negare il rischio dicendo "tanto sto bene e non ho sintomi". La tentazione è sempre fortissima anche per me: "Non ho sintomi quindi perché dovrei farmi visitare?", ma è sbagliato. Molto sbagliato.

SI,MARIAGIOVANNA!
LA PREVENZIONE E' fondamentale.Non applicarla è sciocco,fare gli "struzzi" ancor di più con l'aggiunta di idiozia nell'inganno più atroce! Ti abbraccio,Bianca2007

La tua testimonianza dimostra ancora una volta che persona sei... Una creatura sensibile che sa sentire, percepire, gestire le situazioni, anche le più delicate.

Sono sicuro che questa esperienza ti renderà ancor di più migliore, avrai ancor di più la possibilità di comprendere le tue pazienti e, ancor di più, tranquillamente farti scivolare come sabbia tra le dita le invidie, le illazioni di chi non ha capito o non può capire che la vita è un occasione per amare e generare luce.
Grazie
Gianluca

"... e altri che invece sono spariti ..."
"... ho dovuto rendermi conto che invece qualcuno non c'era."
Chi non c'era AVEVA PAURA. Di se stesso.
Sinceramente
Silvia

Forse sì, Silvia.

Solo ieri le ho detto che non avrei mai scritto sul suo blog.Solo ieri.Ma una testimonianza cosi,almeno per me,non può "passare" in silenzio.Eccomi dunque anche solo per manifestarle solidarietà,stima e.....amicizia.Pura,sincera.
Un giorno,spero nella quiete di un giardino,se desidera, le aprirò anche tutto il mio cuore.Con affetto Kikka

Cara Maria Giovanna,
la vicinanza o meno dipende da tante cose, anche dalla nostra capacità di accettarla e di chiederla. E dalle paure, come dice Silvia, dal terrore atavico che abbiamo verso la malattia, che ci spinge anche a evitare la prevenzione. E io sono una di quelle, che ogni tanto si ravvede e allora programma un controllo.
A questo proposito vorrei dire questo. La tua esperienza, nell'Istituto nel quale lavori è stata quella che hai raccontato, la mia, nel consultorio qui vicino, è stata questa: un semplice pap-test, (del resto io è la prima volta he sento di questo nuovo test, e per questo ti ringrazio) una visita di due minuti, un "tutto bene" e un successivo "venga pure a ritirare l'esito tra un mese".
Un mese, sì. Questo per dire che la prevenzione è fondamentale, certo, se ben gestita, e putroppo non sempre è così. Mi chiedo quante donne nella tua stessa situazione sarebbero state trattate come sei stata trattata tu, con quel rispetto, quella dolcezza, quell'attenzione e quelle tecnologie, anche.
Come amica io sono felicissima, ovviamente, del fatto che a te sia andata così bene, però, dal momento che se hai scritto della tua vita privata qui è per porre l'accento sull'importanza della prevenzione, mi sembrava anche giusto dire queste cose.

un abbraccio
sabrina

Quante donne sono trattate cosi bene? Non le so quantificare ma sono tante. Nelle strutture che garantiscono cura e umanità. E non alludo a prestazioni mediche in solvenza, ma con sistema sanitario nazionale. Come ho fatto io.
Il punto e' che non c'e' omogeneità di prestazioni sul territorio, e il punto e' anche che spesso aspettiamo che tutto ci venga dato senza che sia necessario chiedere. Pensiamo che ci debba arrivare "perche' e' giusto cosi". E' giusto, e' vero. Ma apriamo gli occhi. I primi ad aiutarci siamo noi, con l'informazione da chiedere e applicare nella nostra vita.
Per fare funzionare le cose ci vuole la decisione delle istituzioni, ci vogliono molti più fondi, ma ci vuole anche l'opinione pubblica che, consapevole e informata dei propri diritti e delle recenti scoperte della scienza, chiede di ricevere il massimo della cura. Il pap test è preziosissimo e va fatto assolutamente. A volte il medico "a domanda risponde". Quanto è affidabile? Ogni quanto tempo farlo? Perche' lo sto facendo? Ci sono altri test? Cosa e' il papilloma virus? (Tutte lo abbiamo sentito nominare almeno una volta, se ne parla ovunque). Rompere le scatole ai medici e chiedere, e leggere e informarsi. Cosi non sarà più possibile sbrigarsi in fretta con un "tutto bene".
Da medico. Mi piacciono le pazienti che mi mettono in crisi, che fanno domande, che mi obbligano a tenermi aggiornata e a rispondere alle domande.
Da paziente. Ho una paura folle dei controlli, il terrore che mi trovino qualcosa. Ma ci vado lo stesso, consapevole che un'eventuale malattia piccola sarà più curabile di una malattia che ho trascurato. E' il modo modo di amare me stessa, e nessuno può farlo al posto mio.
Ecco siti utili:
http://www.ieo.it
http://www.fondazioneveronesi.it
http://www.europadonna-italia.it
http://www.airc.it
http://www.lilt.it

Un tuffo nel passato il mio oggi, leggendo un frammento di una storia vera. La Sua storia, cara Maria Giovanna. La storia più toccante e inquietante che Lei abbia mai narrato.Il mio cuore è con Lei. Un giorno lontano il Suo sorriso ha illuminato la mia stanza di ospedale. Non lo posso dimenticare. Mai.Un presagio di rinascita. E' vero.Sono uscita dal buio spaventoso nel quale la diagnosi di "carcinoma lobulare infiltrante" aveva compromesso il mio equilibrio.Dopo sette anni guardo la cartella clinica e ho l'impressione di vedere la fotografia sbiadita di qualcuno che non era mai esistito prima.Grazie alla diagnosi precoce sono riuscita ad aggredire il male e affrontarlo con tempestività.Mi sento alleggerita dagli anni che cominciavano a pesare ( felice di leggere come una bambina le Sue favole). Ho imparato ad essere meno severa con me stessa. Staccarmi da cose e persone che non erano poi tanto importanti non è stato difficile.Difficile è imparare a convivere con la paura di ricadere ancora nel buio.
Ascoltare il cuore degli altri,quelli che soffrono in silenzio mi aiuta a scoprire energia nuova dentro me, energia che mi fa amare la vita. Più che mai. Vorrei abbracciarLa per ricambiare la grande dolcezza che Lei regala a tutti noi,ogni istante.
luisa

Cara MariaGiovanna

felicissima di rileggerti (anche se a dire il vero sono stata io a leggere i blog non aggiornati).

Purtroppo ho visto mia madre morire giorno dopo giorno per cancro al seno. Io avevo 23 anni, lei 56.
Ora tocca a me sottopormi periodicamente agli esami di rito.
L'attesa dell'esito è decisamente angosciante, ma, comunque, è molto meglio vivere questi attimi di odiosa adrenalina, che accorgersi di essere troppo oltre per porne rimedio.

Sperando di incontrarti presto
un abbraccio forte
Stefania

Grazie a tutte. Veramente grazie. Di cuore.

una lieve carezza...posso?
grazie per i tuoi consigli e la tua forza.

una lieve carezza...posso?
grazie per i tuoi consigli e la tua forza.

Grazie, una carezza e un sorriso a te!

Sono capitata qua sopra cercando il nome della dott. Petri, perché dovrò fare l'intervento con lei tra pochi giorni. Anch'io arrivo da una colposcopia con diagnosi di lesioni di grado 1 e 2 e sono spaventata. Ho sempre fatto il pap test ogni anno, ma quest'anno non è andata bene come al solito.
Ribadisco anche io l'importanza di controllarsi, noi che possiamo, noi che viviamo in un paese abbastanza evoluto da offrirci questa possibilità.
Grazie del conforto che mi hai dato con questo post, anche se non ci conosciamo.

grazie a te, la condivisione è importante anche per me

Sono giunta qui perché sono due mesi oramai che digito cin3 come chiave di ricerca. Da quando, appunto, ho avuto la diagnosi di HSIL e di carcinoma in situ alla biopsia mirata. Sono in attesa della conizzazione. Anche io ho sentito tanto amore ma anche tanto gelo attorno. Guardo i miei due bambini di 4 e 5 anni e mi viene fuori una forza inimaginabile ma anche un profondo dolore al solo pensiero che mi sia diagnosticato qualcosa di ancora peggiore. Grazie per la tua testimonianza che mi dona un po' di luce e serenità in questo momento così buio.

Grazie a te, Silvia. Quando si decide di condividere un'esperienza non e' scontato che si riesca a farlo in modo utile per gli altri. Capisco come ti senti, so di capirlo. Ciò che stai affrontando ha il senso di proteggerti, anche se conosco la paura e la rabbia che qualche volta porta a dire "ma perché mi sono fatta visitare?". Ti abbraccio e sono con te.

I commenti per questa nota sono chiusi.