La mia foto

cosa ho scritto...

  • "Diario di Melassa": Edizioni Historica, 2009
  • "Le parole del buio": Edizioni Creativa, 2008
  • AAVV: RAC-CORTI - Il chiama angeli
    Il mio racconto "Il chiama angeli" nell'antologia RAC-CORTI di Giulio Perrone Editore 2008
  • AAVV: EROS & AMORE - La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila
    Il mio racconto "La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila" nella sezione EROS di "Eros & Amore" di ArpaNet, 2008
  • "I racconti delle bacche rosse": Lampi di Stampa Editore, I Platani Narrativa, 2008
    Il secondo libro di fiabe
  • AAVV: CONCEPTS PROFUMO - La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane
    Il mio racconto "La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane" nella raccolta "CONCEPTS Profumo", Edizioni Arpanet 2007.
  • "Una storia ai delfini": Edizioni Creativa, 2007
    il mio primo romanzo
  • AAVV: CONCEPTS MODA - La donna vestita di fiori
    Il mio racconto "La donna vestita di fiori" nella raccolta "CONCEPTS MODA", Edizioni ARPANet 2007
  • "Esser grandi è una fiaba": Lampi di Stampa Editore, 2006
    il mio primo libro di fiabe

è bello sentirvi!

aprile 2010

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

« l'onda nera e la neve che cade su New York | Principale | sospensione del tempo alla luce del neon »

Commenti

Ciao Maria Giovanna,

anch'io come la.stefi sono arrivata a te cercando la d.ssa Preti.
Settimana scorsa mi sono sottoposta ad una colposcopia effettuata dalla dottoressa e da un'altra collaboratrice. Due splendide donne che mi hanno messa subito a mio agio, confermando però quello che già mi aveva anticipicato la mia ginecolga a dicembre: conizazzione.

Sono in lista per l'intervento. In questi mesi (da febbraio 2010 esito del primo PAP test ad oggi), mi sono passate per la testa tante cose. Penso a mio padre, morto 30 anni fa per un tumore. PEnso al mio pulcino di 4 anni che è tutto per me.
Non ti nego di essermi un po' chiusa in me stessa. Ho vissuto giorni come ovattata. A differenza di molti, ne ho parlato solo con il mio compagno. Né le mie più care amiche, né i miei familiari sanno nulla. Probabilmente dirò loro tutto quando fisserò la data dell'intervento.

Sono molto fiduciosa. So di affidarmi allo staff migliore (allo IEO), ma la paura fa capolino agni volta che ci penso.

Grazie per aver condiviso parte della tua vita con noi.
A modo mio, ho fatto lo stesso. A presto

I commenti per questa nota sono chiusi.