La mia foto

cosa ho scritto...

  • "Diario di Melassa": Edizioni Historica, 2009
  • "Le parole del buio": Edizioni Creativa, 2008
  • AAVV: RAC-CORTI - Il chiama angeli
    Il mio racconto "Il chiama angeli" nell'antologia RAC-CORTI di Giulio Perrone Editore 2008
  • AAVV: EROS & AMORE - La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila
    Il mio racconto "La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila" nella sezione EROS di "Eros & Amore" di ArpaNet, 2008
  • "I racconti delle bacche rosse": Lampi di Stampa Editore, I Platani Narrativa, 2008
    Il secondo libro di fiabe
  • AAVV: CONCEPTS PROFUMO - La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane
    Il mio racconto "La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane" nella raccolta "CONCEPTS Profumo", Edizioni Arpanet 2007.
  • "Una storia ai delfini": Edizioni Creativa, 2007
    il mio primo romanzo
  • AAVV: CONCEPTS MODA - La donna vestita di fiori
    Il mio racconto "La donna vestita di fiori" nella raccolta "CONCEPTS MODA", Edizioni ARPANet 2007
  • "Esser grandi è una fiaba": Lampi di Stampa Editore, 2006
    il mio primo libro di fiabe

è bello sentirvi!

aprile 2010

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

« di una notte nel vento, in un paese piccolo al margine della città | Principale | il cespuglio dei bottoni d'oro »

Commenti

pezzo bellissimo di Giovanna ritrovata
adoro pensare che tu veda di nuovo la tua libertà, è la caratteristica di te che salta agli occhi e colpisce la fantasia di chiunque ti incontri
esistono esperienze e persone che esaltano la creatività e la libertà, ne esistono altre che invece frenano: queste ultime vanno lasciate indietro

Questo signor Luca sfugge al mio controllo. Ma mi fa piacere che dica verità quindi fingo impassibile aplomb e concordo. Bella e libera, ne hai messo di tempo per buttare via i cadaveri!

Il signor Luca legge in tempo reale, o quasi. La sua passione per la scrittrice si cela dietro espressioni del volto cordiali ma impassibili, più o meno. E' necessario che sia così, bella MariaGiovanna che chiamo Giovanna nel nostro quasi quotidiano. Ovvio che non mi chiamo Luca, ovvio che non puoi capire chi sono controllando il mio indirizzo email (ma lo farai? Non credo, non ti ci vedo proprio, secondo me passi sopra le nostre umane sciocchezze con un mezzo sorriso), comunque leggo e mi diverto spesso. Mi fai anche pensare.
Una notte non molto tempo fa sono partito dagli esordi e arrivato a ora, ho visto l'evoluzione della tua scrittura, degli argomenti e di te stessa. E' stato molto interessante, ho capito meglio la donna simpatica e solare, profondissima che incontro e nemmeno capisce che sono io a commentarla sul blog.
Questo pezzo è magnifico perché non canonico, libero e istintivo ma anche raffinatissimo nel linguaggio. Meraviglioso lo Scarpa con la lettura in crescendo, ottimo accostamento che sembra nato per te.

Che bello! E' strano, ormai mi stai facendo amare Tiziano Scarpa: non lo conoscevo e ho letto quasi tutti i suoi libri grazie a te. Ha uno sguardo bello, profondo, secondo me ti assomiglia dentro.
Bellissimo racconto quello dell'uomo solo che cammina, passionalissimo quello "la stringevi" ecc. Che scrittura potente, sempre più raffinata.

LE CARTE BUDDISTE
ci dicono di saggezza antica dove dimora la sapienza del cuore che pulsa cosciente dei suoi battiti.Concordo con Lauretta,la "tua" scrittura si sta riappropiando d'un qualcosa di nuovo e prezioso forse pescato nel fondo di un mare blu.E io grata, leggo penso e ringrazio.Bianca 2007

Oh, ma che commenti intriganti!
Bianca amatissima, non so cosa stia pescando sul fondo del mare, ma so che mi sto riappropriando di me. Una me diversa da prima, più sofferente ma anche ricca di esperienze che hanno costruito pezzi di consapevolezza, più sicura, più salda nell'essere e nel volere (e nel rifiutare ciò che è solo dolore sterile).
Lauretta, sono contenta che tu stia amando Tiziano Scarpa: la scoperta di uno scrittore come lui riempie di bellezza l'anima.
Luca, che intrigo meraviglioso. Che sia vero o meno ciò che dici, camminerò per strade note con la curiosità e il sottile piacere del dubbio. Chi sei? Dove mi vedi? Cosa pensi quando mi guardi? Vedi che queste suggestioni non chiedono necessariamente verità, sono belle in sè.
GF, ci vuole sempre tempo (e dolore) per buttare via e ammettere di avere sbagliato molto.

Eh, mia cara, con quella mise intellettuale (pantalone scuro, cardigan grigio lungo e camicia fantasia con scollatura tattica) vuole cercare verità o menzogna? Lei, dottoressa scrittrice amatissima dalle sue pazienti, ama il dubbio e il vedo-non vedo. Che un uomo si scopra con lei subito è errore irrimediabile.
"Diario di melassa" è il libro migliore che abbia scritto, me lo lasci dire.

Ah, pero'.

Oh, perbacco.

I commenti per questa nota sono chiusi.