La mia foto

cosa ho scritto...

  • "Diario di Melassa": Edizioni Historica, 2009
  • "Le parole del buio": Edizioni Creativa, 2008
  • AAVV: RAC-CORTI - Il chiama angeli
    Il mio racconto "Il chiama angeli" nell'antologia RAC-CORTI di Giulio Perrone Editore 2008
  • AAVV: EROS & AMORE - La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila
    Il mio racconto "La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila" nella sezione EROS di "Eros & Amore" di ArpaNet, 2008
  • "I racconti delle bacche rosse": Lampi di Stampa Editore, I Platani Narrativa, 2008
    Il secondo libro di fiabe
  • AAVV: CONCEPTS PROFUMO - La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane
    Il mio racconto "La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane" nella raccolta "CONCEPTS Profumo", Edizioni Arpanet 2007.
  • "Una storia ai delfini": Edizioni Creativa, 2007
    il mio primo romanzo
  • AAVV: CONCEPTS MODA - La donna vestita di fiori
    Il mio racconto "La donna vestita di fiori" nella raccolta "CONCEPTS MODA", Edizioni ARPANet 2007
  • "Esser grandi è una fiaba": Lampi di Stampa Editore, 2006
    il mio primo libro di fiabe

è bello sentirvi!

aprile 2010

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

« nemesi di un destino qualsiasi | Principale | nemesi di un destino qualsiasi »

Commenti

HO LETTO
con piacere questo post.Si "sente" un ritrovato rispetto di sè da parte di quell'uomo e il rispetto consapevole che ha sempre avuto Lavinia.Aspetto sempre fondamentale e che mai si dovrebbe accantonare giacchè se uno dimentica sè e la propria realtà,inevitabilmente prima o poi e anche senza volerlo,si ritroverà a dimenticare anche l'altro e la sua reale identità.Non a caso ci viene chiesto di amare il nostro prossimo come se stessi NON di più...Spesso troppo spesso si realizza la nota collusione narcisismo-masochismo e si spreca la vita a perpetrare sacrifici vani perchè mai richiesti che vanno ad aumentare crediti di cui poi inutilmente e quindi tragicamente si richiederà il saldo."Spontaneamente"Accettare e AMARE consapevoli sempre di sè e della propria "identità" che cresce nel corso del tempo con la certezza che ci si ri-troverà sempre insieme solidali e dalla stessa parte perchè il RECIPROCO retroterra è il medesimo per cultura problemi moralità. Questo è amore autentico e profondo purtroppo spesso dimenticato perchè ci si è narcisisticamente arroccati su motivi di contrasto sterili e quantomai inutili aspettando che sia l'altro per primo a muoversi a venire verso di noi.E così si aspetta che il nemico sconfitto venga a Canossa e non ci si accorge di costruire la propria inesorabile disfatta.E il coraggio d'andare incontro all'altro spesso è solo frainteso illusoriamente sentito come un cedimento una debolezza un segno di dipendenza che evoca nuovamente il fantasma della simbiosi mentre l'estremo coraggio di tendere per primi la mano è invece segno di grande generosità forza sicurezza qualità queste attaccate per invidia e quindi negate e trasformate nel loro contrario.
L'AMORE ADULTO e' sempre libero da qualsiasi tipo di ricatto.Ma un reciproco ascolto di antiche melodie sempre nuove di tonalità.RI-leggiamo il "Cantico Dei Cantici dove "la realtà del dialogo amoroso è tensione e gioia,ripetizione e infinito NON comunicazione ma incanto dialogo canto".Un abbraccio,Bianca 2007

I commenti per questa nota sono chiusi.