La mia foto

cosa ho scritto...

  • "Diario di Melassa": Edizioni Historica, 2009
  • "Le parole del buio": Edizioni Creativa, 2008
  • AAVV: RAC-CORTI - Il chiama angeli
    Il mio racconto "Il chiama angeli" nell'antologia RAC-CORTI di Giulio Perrone Editore 2008
  • AAVV: EROS & AMORE - La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila
    Il mio racconto "La penombra di un ufficio e un ascensore che sibila" nella sezione EROS di "Eros & Amore" di ArpaNet, 2008
  • "I racconti delle bacche rosse": Lampi di Stampa Editore, I Platani Narrativa, 2008
    Il secondo libro di fiabe
  • AAVV: CONCEPTS PROFUMO - La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane
    Il mio racconto "La piccola casa di legno, e quel profumo. Fragranza e mistero di notti romane" nella raccolta "CONCEPTS Profumo", Edizioni Arpanet 2007.
  • "Una storia ai delfini": Edizioni Creativa, 2007
    il mio primo romanzo
  • AAVV: CONCEPTS MODA - La donna vestita di fiori
    Il mio racconto "La donna vestita di fiori" nella raccolta "CONCEPTS MODA", Edizioni ARPANet 2007
  • "Esser grandi è una fiaba": Lampi di Stampa Editore, 2006
    il mio primo libro di fiabe

è bello sentirvi!

aprile 2010

lun mar mer gio ven sab dom
      1 2 3 4
5 6 7 8 9 10 11
12 13 14 15 16 17 18
19 20 21 22 23 24 25
26 27 28 29 30    

Weblog recentemente aggiornati

« solo, ricco e felice | Principale | pioggia e clacson »

Commenti

Giò, era ora!!!! Era un po' che aspettavo! Proprio un bel racconto, ma è una crudeltà scrivere una puntata ogni tanto.

Giovanna. Meraviglioso. Grazie.

Grazie! Per errore però hai pubblicato il tuo commento con il mio nome... Non mi faccio i complimenti da sola!

EPILOGO
di un umano tragico destino e,come avrebbe detto Ariele a Calibano:"Tutto da molto tempo fu deciso,entrambi ne sappiamo la ragione,possiamo,ahimè,predire,quando le nostre falsità venissero divise,cosa diventeremmo mai,un evanescente brusio...Io" Bianca 2007

Cara Maria Giovanna, coltiva sempre il tuo talento...

alla fine è venuta fuori la realtà del protagonista, che dice che ha sempre amato ma non ha saputo esprimerlo, condicendo ciò che le persone da lui amate, pensassero dela sua vita, di un tipo che amava essere amato, e amodo suo riamava. Ma è sicuro di non essere stato capace, di infondere fiducia, anzi di dare sempre adito di non essere affidabile per chi gli era vicino, ma a dirla alla freud il primo ad aver constatato il tutto è proprio il protagonista, Ringrazio lo scrittore di avermi messo a disposizione il suo racconto.

grazie, Luigi!

I commenti per questa nota sono chiusi.